BBC micro:bit Soil Moisture Sensor

Continuo con la pubblicazione degli strumenti per l’analisi dell’umidità del terreno, questa volta l’idea è quella di realizzare un dispositivo su cui è possibile alloggiare: sonda, micro:bit e batterie.
Il dispositivo è pensato per attività da svolgere con allievi di scuola elementare e media, pertanto ho creato un design interessante per gli allievi più giovani.

Ovviamente bisognerà poi creare un codice opportuno in modo tale che ci sia il minimo consumo di batterie e far si che l’ossidazione dei puntali della sonda non avvenga rapidamente, è opportuno quindi usare chiodi in acciaio inossidabile, nel caso di chiodi in ferro l’ossidazione potrebbe avvenire dopo qualche giorno.
Per questa sonda ho utilizzato chiodi da 80 mm.

Durante il corso:realizzare laboratori green con il Making e il Coding, mostrerò come realizzare il codice e come leggere remotamente da un secondo micro:bit, i dati rilevati dalla sonda.

Se desiderate replicare la struttura seguite il link sul mio profilo Thingiverse da cui potrete scaricare i sorgenti grafici per la stampa 3D.
Sono necessari poco più di due ore di stampa, è essenziale aggiungere i supporti di stampa.

Buono Making green a tutti 🙂

Questa voce è stata pubblicata in corsi e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a BBC micro:bit Soil Moisture Sensor

  1. paolo erla scrive:

    Buon giorno, ho costruito un livelloH2O per cisterna sfruttando un sensore simile al suo progetto. Il livello che ho costruito ha 8 ingressi su conduttori di inox isolati da distanziali di lunghezza progressiva. questo permette una regolazione a 8 livelli che visualizzo su 8 led ed un relè di minima.
    Vedendo il suo progetto si potrebbe convertire i 8 livelli in analogica con una variazione di tensione più estesa.
    Se è interessato interesse posso mandarle lo schema

    • admin scrive:

      Gentilissimo,

      grazie per la disponibilità ben volentieri accetto.
      Sto realizzando qualcosa di simile con i miei studenti, ma avere più punti di vista progettuali è utile per i ragazzi.

      Ancora grazie.
      Saluti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.