Errori comuni nell’uso di Arduino – confondere uguaglianza con assegnamento

Durante le attività di formazione e la correzione dei compiti dei miei studenti sull’uso di Arduino ho l’abitudine di documentare gli errori per poi segnalarli all’interno delle mie dispense. Poiché sto sistemando il percorso che svolgo nelle classi 3’ Automazioni presso l’ITIS G.B. Pininfarina di Moncalieri (To) incomincio a pubblicare su questo sito le brevi note collezionate nel mio Evernote, faranno parte di una lezione più ampia, ma ho necessità che vengano usate subito dai ragazzi. Quindi nei prossimi giorni ritroverete su questo sito piccole “pillole” che costituiranno qualcosa di più esteso a scuola e durante i corsi per gli adulti.

Errore: confondere uguaglianza con assegnamento

E’ probabilmente uno degli errori più frequenti, confondere in C l’operatore di assegnamento =  con quello di uguaglianza ==

Con le impostazioni di default dell’IDE Arduino, nella sezione Compiler warning, l’errore non verrà rilevato:

quindi nell’utilizzo di una istruzione if :

In questo caso accadrà che il compilatore assegnerà il valore di pluto  a pippo , inoltre bisogna ricordare che in C il valore 0  viene utilizzato per indicare uno stato logico FALSO e qualsiasi altro numero viene utilizzato per identificare un valore VERO, pertanto se il valore di pippo  è diverso da 0 (perché pluto  diverso da 0), la condizione dell’if sarà sempre vera, quindi le istruzioni all’interno dell’if saranno sempre eseguite.

Provate ad eseguire lo sketch che segue, dovreste notare, che pur avendo usato l’operatore di assegnamento, la stringa: Stampo questo messaggio perché l'if è sempre vero  viene stampata sulla Serial Monitor:

Allo stesso modo se provate ad eseguire lo sketch che segue, l’istruzione contenuta nell’if non verrà mai eseguita, mentre l’istruzione fuori dall’if sarà sempre eseguita:

Per avere una segnalazione da parte del compilatore, sempre dalle impostazioni, nella sezione Compiler warning, selezionate “All”:

Compilando nuovamente uno degli sketch proposti sopra potrete visualizzare il warning, ma ricordate che il programma verrà comunque eseguito:

Buona sperimentazione 🙂

Articoli simili:

Pubblicato in arduino, i miei allievi | Contrassegnato , , , , , , | Lascia un commento

Corso in presenza: Coding a scuola con BBC micro:bit

Ancora un altro corso sull’uso di BBC micro:bit questa volta in presenza a Torino presso il Laboratorio di Informatica dell’IIS Gobetti Marchesini Casale Arduino Via Figlie dei Militari, 25 Torino.

Gli argomenti svolti saranno i medesimi di quelli offerti per il corso in Webinar di Tecnica della Scuola, però con sperimentazioni pratiche “costruisci e programma”, tanta didattica della robotica, uso di micro:bit per effettuare sperimentazioni scientifiche ed utilizzo di micro:bit con altri linguaggi di programmazione.

Saranno ammessi uno/due docenti per Istituzione Scolastica fino ad esaurimento dei 15 posti disponibili.

L’elenco degli ammessi sarà pubblicato il 9/11/2018 sul sito http://www.necessitaeducativespeciali.it

Calendario degli incontri: 15/11, 22/11, 26/11, 28/11 dalle ore 15.00 alle 17.30

Il corso è gratuito.
Per le modalità di iscrizione seguire il link.

Articoli simili:

Pubblicato in corsi, i miei allievi, micro:bit | Contrassegnato , , | Lascia un commento

MicroPython – Python per microcontrollori – usarlo su BBC micro:bit – lezione 3

Disegnare immagini statiche è divertente, ma ancora più divertente è farle muovere e fare questo con MicroPython è molto semplice, è sufficiente indicare un elenco di immagini, in questa lezione vedremo come fare.

Per capire come animare una serie di immagini abbiamo necessità di utilizzare le liste.

Lista della spesa:

Questo è il modo per rappresentare una lista in Python:

Abbiamo creato un elenco chiamato spesa   che contiene tre elementi. Python sa che è un elenco perché è racchiuso tra parentesi quadre ( [  e ] ). Gli elementi nella lista sono separati da una virgola ( , ) e in questo caso gli elementi sono tre stringhe di caratteri: “Uova”, “Prosciutto” e “Pomodori”. Sappiamo che sono stringhe di caratteri perché sono racchiusi tra virgolette ".

Nota

I numeri non hanno bisogno di essere inseriti all’interno delle doppie virgolette, in quanto rappresentano un valore (piuttosto che una stringa di caratteri).

Quindi 2  senza virgolette rappresenta il valore numerico 2 mentre 2 tra virgolette "2"  rappresenta il carattere/cifra che rappresenta il numero 2.

È possibile memorizzare elementi di diverso tipo all’interno della stessa lista:

lista_mista = ["ciao!", 1.234, Image.HAPPY]

Notate che l’ultimo elemento è un’immagine!

E’ possibile dire a MicroPython di animare un elenco di immagini. Fortunatamente sono disponibili un paio di elenchi di immagini già integrate, si chiamano Image.ALL_CLOCKS  e Image.ALL_ARROWS :

Verrà visualizzata una lancetta che girerà in senso orario, l’intervallo di accensione dei tre LED è di 100 millisecondi.

Come abbiamo visto per la visualizzazione di una sola immagine usiamo display.show  per mostrarlo sul display del micro:bit. Quando diciamo a MicroPython di usare Image.ALL_CLOCKS  ci verranno mostrate in sequenza tutte le immagini della lista, inoltre nell’istruzione con il parametro loop=True  indichiamo che la lista delle immagini deve scorrere per sempre e con l’argomento delay=100  indichiamo che ogni immagine deve essere visualizzata per 100 millisecondi (1/10 di secondo).

  • Avete capito come animare la lista Image.ALL_ARROWS  ?
  • Come si evita il loop infinito?
    (suggerimento: l’opposto di True  è False  sebbene il valore predefinito per loop sia False )
  • Potete cambiare la velocità dell’animazione?

Vediamo come creare un’animazione di un’esplosione di luci, una sequenza che parte con l’accensione del LED centrale per espandersi verso il perimetro con differenti intensità luminose dei LED

 

Questo è il modo con cui funziona il programma:

  • creiamo sei immagini luce  nello stesso modo descritto sopra.
  • Poi le inseriamo tutte in una lista chiamata luci .
  • Infine chiedo a display.show  di animare la lista con un ritardo di 200 millisecondi.
  • Poiché non abbiamo impostato loop=True  vedremo l’animazione una sola volta.

Proviamo ora a creare una sequenza che si ripete ciclicamente, in questo caso sarà sufficiente inserire il codice all’interno di un blocco while

Come si nota è stato inserito all’interno di un loop infinito: while True  l’istruzione display.show(luci, delay=ritardo) . Rispetto alla versione precedente è stata anche parametrizzato il valore del delay , inserito come parametro ritardo  all’inizio del codice, ciò permetterà di variare ad inizio programma la velocità con cui apparirà la sequenza delle sei immagini.

L’esempio riportato sopra ripeterà ad ogni ciclo la sequenza delle immagini da luce1  a luce6 , nel caso in cui si voglia dare un’effetto di ribalzo sarà sufficiente creare due collezioni luciA  e luciB  i cui la sequenza delle immagini è invertita:

Per avere una struttura compatta del codice, così come mostrato in precedenza, il codice può essere scritto in questo modo:

Buon Coding a tutti 🙂

Articoli simili:

Pubblicato in corsi, i miei allievi, programmazione | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

Fare coding a scuola con BBC micro:bit – seconda edizione


Parte domani la seconda edizione del corso sull’uso di BBC micro:bit a scuola che svolgerò per Tecnica della Scuola. Molte le novità introdotte in questa edizione, analizzeremo la nuova interfaccia di programmazione introdotta ufficialmente la  scorsa settimana, mostrerò le possibilità di programmazione del micro:bit offerte anche da altri ambienti di sviluppo che supportano micro:bit tra cui Scratch 3. Verranno dati suggerimenti per lo sviluppo di attività pratiche utilizzando anche altri dispositivi collegabili al micro:bit vedremo come, con semplici materiali di recupero è possibile implementare un semplice percorso di didattica della robotica.

Durante l’attività di formazione utilizzerò una nuova collezione di schede di lavoro, che si aggiungono a quelle proposte nel precedente corso, schede immediatamente spendibile in classe, utilizzabili per un percorso di Coding che potrete in piena libertà modificare ed espandere in funzione delle vostre esigenze.

Saranno svolti 4 incontri in webinar di 2 ore ciascuno per un totale di 8 ore di formazione:

  • Lunedì 5 novembre 2018 – Ore 17.00/19.00
  • Venerdì 9 novembre 2018 – Ore 17.00/19.00
  • Lunedì 12 novembre 2018 – Ore 17.00/19.00
  • Venerdì 16 novembre 2018 – Ore 17.00/19.00

Nel caso foste interessati è possibile ancora iscriversi, per maggiori informazioni sui contenuti e sulla modalità di iscrizione seguite il link sul sito di Tecnica della Scuola.

Articoli simili:

Pubblicato in corsi, micro:bit, programmazione | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

L’ITIS Pininfarina alla 6° edizione del Festival dell’Innovazione e della Scienza.

L’edizione del Festival dell’Innovazione e della Scienza, che si svolge dal 14 al 21 di ottobre ha come focus: “pensa alla salute”.

Il calendario ricco ed articolato testimonia come la rassegna sia ormai diventata una delle più importanti del territorio nazionale a livello di divulgazione scientifica. Il record di presenze dello scorso anno testimonia come il Festival sia un vero e proprio motore di promozione del territorio. L’edizione 2018 consolida e rafforza le collaborazioni strette in area metropolitana rendendo protagonisti del Festival i comuni di Torino, Caselle Torinese, Castiglione Torinese, Collegno, Grugliasco, Leinì, Moncalieri, Nichelino, Rivoli e San Mauro Torinese.
Dal 14 al 21 ottobre, nella città di Settimo Torinese e nei principali luoghi di aggregazione culturale degli altri comuni coinvolti andrà in scena un programma ricchissimo di incontri, caffè scientifici, eventi, exhibit e laboratori finalizzati ad affrontare e valorizzare a tutto tondo le tematiche e i trend più attuali relativi al tema della salute. Dal corpo all’ambiente, dall’alimentazione alla medicina senza dimenticare lo sport, la prevenzione e il benessere della persona.

Anche quest’anno l’ITIS Pininfarina parteciperà al festival nella giornata del 20 di ottobre con attività condotte da un gruppo di allievi di ogni specializzazione dell’istituto che saranno tutor per gli studenti di scuola media.
Io e l’amico Stefano Mercurio abbiamo la fortuna di essere gli insegnanti degli studenti del Pininfarina e coordineremo le attività.

I laboratori svolti dai nostri studenti metteranno in evidenza come la scuola possa diventare un laboratorio aperto, in cui la creatività dei singoli allievi possa esprimersi, un luogo in cui l’aggregazione e il vivere bene insieme favorisce l’apprendimento e la voglia di essere cittadini attivi.

Luogo

BIBLIOTECA ARCHIMEDE
Piazza Campidoglio 50

Settimo Torinese

Il programma

Due attività di Coding

Attività 1

Mattina dalle 10 alle 12
Titolo: Arduino primi circuiti
Descrizione: Gli studenti insegnano ai bambini a realizzare semplici circuiti con Arduino

Attività 2

Pomeriggio dalle 14 alle 16,30
Titolo: Coding a scuola con BBC micro:bit
Descrizione: Attività di Coding e Making con BBC micro:bit, un piccolo computer (4×5 cm), la piattaforma è ideale per lo sviluppo di attività di Coding con forte interazioni con il mondo reale.

All’interno dell’attività 2 sono previste due azioni

Attività 1: Coding con micro:bit e gare robotiche di caccia al tesore e sumo.
Attività 2: Montaggio ed esposizione di robot e sistemi di automazione realizzati con Arduino. Gare robotiche sumo.

La partecipazione  è gratuita ed è possibile prenotarsi fino ad esaurimento posti attraverso il form allegato.

Vi aspettiamo 🙂

Articoli simili:

Pubblicato in arduino, corsi, i miei allievi, micro:bit, robotica | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

MicroPython – Python per microcontrollori – usarlo su BBC micro:bit – lezione 2

MicroPython è in grado di gestire la griglia di LED 5×5 (LED: light emitting diodes le lucine che si accendono sulla parte anteriore della scheda), inoltre permette il controllo sul display per creare una serie di effetti interessanti.

MicroPython è dotato di molte immagini incorporate che possono essere mostrate sul display. Ad esempio per mostrare un viso felice sul display potete digitare:

Sicuramente ricorderete dalla lezione precedente cosa fa la prima linea. La seconda riga utilizza l’oggetto display  con il metodo show  per visualizzazione l’immagine incorporata di un viso felice chiamata HAPPY. Ciò che vogliamo mostrare è inserito tra parentesi tonde: ( (  e ) ).

Ciò che segue è una lista di immagini incorporate all’interno di MicroPython che potete utilizzare all’interno dei vostri programmi:

Sono tantissime! Provate a modificare il codice che visualizza un viso felice, è sufficiente sostituire Image.HAPPY  con una delle immagini incorporate nell’elenco sopra indicato.

 Gestire i pixel

Potete impostare la luminosità di uno specifico LED sul display utilizzando il metodo set_pixel :

Ricordando che la coordinata 0, 0 specifica il LED che si trova in alto a sinistra, l’istruzione indicata nel codice sopra, imposta il LED in colonna  1 e riga 2  con luminosità 9 . La luminosità può assumere un valore compreso tra 0 e 9, con 0 indichiamo spegnimento del LED e 9 massima luminosità del LED.

Allo stesso modo nel caso in cui desiderate accendere alla massima luminosità il LED che si trova in basso a sinistra, l’istruzione da utilizzare sarà:

Per l’accensione del LED che si trova in alto a sinistra:

Vediamo ora come accendere tutti i LED alla massima luminosità:

Potete utilizzare un ciclo for , così come indicato nel programma che segue:

Il ciclo for  esegue le istruzioni in esso contenuto per un numero di volte specificato, nel nostro caso nell’intervallo da   0  a 5, questa operazione viene eseguita con la funzione   range(0,5)  che restituisce la lista di interi da 0  a 4  escludendo il massimo, in questo caso il valore 5:

il ciclo for  sarà eseguito 5 volte, ogni volta la variabile x sarà sostituita dai valori che vanno   0  a 4  (5 valori). Si uscirà dal loop quando sarà raggiunto il valore finale dell’intervallo.

All’interno del primo for  troviamo un secondo ciclo:

Anche in questo caso il ciclo sarà eseguito 5 volte e la variabile y  sarà sostituita dai 5 valori da 0  a 4  . Si uscirà dal loop quando sarà raggiunto il valore finale dell’intervallo.

Vediamo ora come accendere e spegnere l’intera matrice di LED:

Si noti che l’azione di spegnimento è simile a quella dell’accensione dove l’unica differenza risiede nell’istruzione:  display.set_pixel(x,y,0) in cui impostiamo la luminosità a 0 .

Vediamo ora come effettuare l’accensione del display partendo dal LED situato in basso a destra alle coordinate (5, 5):

Poichè la funzione range restituisce una serie di valori da un valore minimo a un valore massimo, per effettuare un decremento dell’indice si utilizzano le operazioni: y=4-y e x=4-x

Vedremo nella lezione successiva come realizzare dei cicli infiniti per realizzare giochi di luce accendendo e spegnendo i LED in modo sequenziale.

Creiamo le nostre immagini

Volete creare un’immagine personalizzata da visualizzare sul display del micro:bit?
E’ molto semplice.

La luminosità di ogni LED sul display, così come detto ad inizio lezione, può essere impostata con un valore da spento  ( 0)  a luminosità massima  ( 9).

Quando il programma è in esecuzione il dispositivo visualizza un’immagine circolare con i LED con diversa intensità luminosa:

Sicuramente avrete notato che ogni riga del display fisico è rappresentato da una linea di numeri che terminano con :  il tutto racchiuso tra doppie virgolette "

Ogni numero rappresenta la luminosità del LED a cui fa riferimento, quindi potrete specificare la luminosità per ogni LED.

Tutto molto semplice! 🙂

In realtà, non è necessario scrivere su più righe il comando per l’accensione dei LED, potete scrivere tutto su una linea sola:

luce = Image("09590:93339:93039:93339:09590")

Buon Coding a tutti 🙂

Articoli simili:

Pubblicato in i miei allievi, programmazione | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Google per la didattica – 5ª edizione


Si riparte con i corsi per Tecnica della Scuola con il sempre apprezzato Google per la didattica giunto alla 5ª edizione. Ogni volta, analizzando le necessità dei colleghi, ho aggiunto nuovi esempi ripresi dal vivere quotidiano del docente e dello studente, esercizi, schede di lavoro, modelli da replicare. La collezione di tutte le risorse, che sta diventando un vero manuale che amplio ad ogni edizione, sarà ceduto, insieme alle slide del corso, a coloro che parteciperanno alle sessioni di formazione.
Vi mostrerò inoltre le novità introdotte nelle scorse settimane da Google sui suoi applicativi e che potrebbero essere utili per svolgere il nostro lavoro.

Saranno svolti 5 incontri di 2 ore ciascuno per un totale di 10 ore di formazione

  • Lunedì 15 ottobre 2018 – dalle ore 17.00 alle 19.00
  • Martedì 16 ottobre 2018 – dalle ore 17.00 alle 19.00
  • Mercoledì 17 ottobre 2018 – dalle ore 17.00 alle 19.00
  • Venerdì 19 ottobre 2018 – dalle ore 17.00 alle 19.00
  • Martedì 23 ottobre 2018 – dalle ore 17.00 alle 19.00

Per maggiori informazioni sui contenuti e sulle modalità di iscrizione e costi vi rimando alla pagina specifica di presentazione del corso sul sito di Tecnica della Scuola.

Grazie 🙂

Articoli simili:

Pubblicato in corsi | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Esperienza di laboratorio: verifica della tabella di verità del Flip Flop SR (Set-Reset) con integrato 7402 ed Arduino

Il più semplice circuito digitale di memoria è il flip-flop Set-Reset. Esso è costituito da due ingressi identificati con il nome Set e Reset ed una uscita indicata con .
Accade spesso che i flip flop sono dotati, anche dell’uscita .

In un dispositivo di memoria l’uscita dipende:

  • dalla particolare combinazione che assumono le variabili di ingresso
  • dallo stato precedente assunto dall’uscita Q.

Lo stato precedente dell’uscita lo indichiamo con .

Flip-flop SR con porte NOR

Il simbolo logico, la tabella della verità e la soluzione circuitale a porte logiche NOR di un flip-flop S-R sono indicate nell’immagine che segue:

Combinazioni

Combinazione SR=00

Combinazione di riposo in quanto l’uscita conserva lo stato precedente (Q=Qo).

Combinazione SR=01

Posto R=1, l’uscita Q si porta a 0 indipendentemente dallo stato precedente.

Combinazione SR=10

Posto S=1, l’uscita Q si porta a 1 indipendentemente dallo stato precedente.

Combinazione SR=11

Questa combinazione è da evitare in quanto dal punto di vista logico risulta incongruente, non ha alcun senso comandare il flip-flop per memorizzare lo 0 (R=1) oppure l’1 (S=1).

Modalità di memorizzazione di 1 bit

Per memorizzare 1:

  • Passo 1: impostare S=1 e R=0.
  • Passo 2: impostare lo stato di riposo: S=0 e R=0.

l’uscita conserva lo stato precedente: Q=Qo=1

Per memorizzare 0:

  • Passo 1: S=0 e R=1.
  • Passo 2: impostare lo stato di riposo: S=0 e R=0.

l’uscita conserva lo stato precedente: Q=Qo=0


Ripasso sul funzionamento della porta NOR

L’operazione può essere effettuata su due o più variabili di ingresso. Se chiamiamo con A e B le variabili di ingresso e con Y la variabile di uscita, la somma logica negata assumerà lo stato logico 1 solo se tutte le variabili di ingresso sono allo stato 1, in tutti gli altri casi l’uscita assumerà il valore 1.

La somma logica negata corrisponde al collegamento di una OR seguita da una porta NOT.

si legge A NOR B

Nella figura che segue è mostrata la tabella della verità con le quattro possibili combinazioni delle variabili di ingresso A e B è il simbolo logico corrispondente. Nella colonna Y sono indicati i valori della variabile di uscita Y che soddisfa la definizione della porta logica NOR.


Verifica funzionamento come Flip-Flop S-R

Passo 1

Impostare S=0 e R=1.

L’uscita Q=0, infatti l’uscita Q della porta 2 va a 0 perché l’ingresso R=1.

Su tutti e due gli ingressi della porta 1 abbiamo 0 per cui la sua uscita va ad 1.
Dovreste aver notato che le due uscite sono complementari tra loro.

Passo 2

Impostare la combinazione di riposo: R=0 e S=0.

L’uscita Q nella fase precedente era stata portata a 0 (Qo=0), l’uscita della porta 1 resta ad 1 come conseguenza l’uscita della porta 2 rimane a 0 (Q=0).

Passo 3

Impostare S=1 e R=0.

L’uscita della porta 1 va a 0 come conseguenza, poiché R=0, l’uscita della porta 2 commuta ad 1: Q=1.

Passo 4

Impostare la combinazione di riposo: R=0 e S=0.

L’uscita Q nella fase precedente era stata portata a 1 (Qo=1), l’uscita della porta 1 resta a 0 come conseguenza l’uscita della porta 2 rimane a 1 (Q=1).

Passo 5

Impostare S=1 e R=1 (combinazione proibita)

Le uscite di entrambe le porte NOR commuteranno a 0.
In questo caso, le due uscite non saranno più complementari tra loro.
Inoltre se impostate contemporaneamente R=0 e S=0 entrambe le uscite si porteranno ad 1 e poi a 0 e così via.

Accadrà inoltre che per i diversi tempi di ritardo di propagazione del segnale elettrico in ciascuna porta, uno delle due porte NOR propagherà l’1 in uscita prima dell’altra porta.

Diventa aleatorio il valore dell’uscita Q che, pertanto, potrà trovarsi a 0 oppure a 1. Anche per questo motivo è da evitare la combinazione della tabella della verità: S=1 e R=1.


Fase 1: Verifica tabella di verità del Flip-Flop SR con integrato 7402

Realizzare il circuito e verificare la tabella di verità del Flip-Flop SR.

Lista componenti:

  • IC 7402 (Quad 2 Input NOR)
  • N. 2 R: 10 KOhm
  • N. 2 R: 180 Ohm
  • N. 1 LED Rosso
  • N. 1 LED Verde
  • N 2. Switch

Schema elettrico

Schema di montaggio

Pinout 7402


Fase 2: Realizzare un simulatore di Flip-Flop SR con Arduino

Dato lo sketch Arduino che segue, non commentato, comprenderne il funzionamento, commentare ogni parte e derivare il circuito elettronico di montaggio.

Fasi operative:

  • realizzare lo schema di montaggio in Fritzing;
  • realizzazione pratica del circuito;
  • verifica del funzionamento del circuito;
  • segnalare eventuali correzioni/miglioramenti da effettuare allo sketch.

Si ricorda è obbligatorio:

  • inserire un’intestazione come indicato nell’immagine che segue, in cui indicare:
    • Cognome e Nome
    • Classe
    • Esercizio/Sommario funzionamento
  • tutto il codice deve essere commentato;
  • tutto il codice deve essere correttamente indentato;
  • ogni allievo dovrà utilizzare 1 singola scheda Arduino;
  • il codice dovrà essere consegnato al docente su Google Classroom secondo le indicazioni date a lezione.

Buon lavoro 🙂

Articoli simili:

Pubblicato in arduino, elettronica, i miei allievi | Contrassegnato , , , , , , , , | 2 commenti

Sperimentazioni elettroniche – La relazione tecnica – v02

Inizio anno scolastico, linee guida per gli studenti per poter costruire una relazioni tecniche di laboratorio centrata sul contenuto tecnico. Nei primi lavori noto che ogni allievo ha un proprio modo di produrre relazioni, spesso viene messa in risalto più l’estetica che il contenuto tecnico, scelte grafica inappropriate a discapito della leggibilità del testo e colori e font poco leggibili.

Quindi incominciamo a fissare alcuni punti, aggiungo altri contenuti ad un articolo di qualche tempo fa, prossimamente anche indicazioni per le scelte di font e colori, per poi giungere, un passettino alla volta, alla produzione di relazioni tecniche su GitHub, ma pian pianino… 🙂

La relazione tecnica

La relazione tecnica di solito rappresenta l’ultima fase di una attività di verifica, collaudo o ricerca guasti in un circuito elettronico o impianto elettrico, ma nella gran parte dei casi è il documento che certifica la correttezza del lavoro che è stato svolto.

Il tecnico che si accinge a documentare un’attività di laboratorio trae le sue informazioni dagli appunti annotati su un blocco tecnico che deve sempre essere presente sul banco di lavoro durante le attività di sperimentazione.

Esempio di relazione tecnica

Se siete un tecnico chiamato per il controllo su un impianto di antifurto, dovrete al termine del vostro lavoro, rilasciare una dichiarazione che dovrà riportare una serie di dati:

  • la data dell’intervento
  • il vostro nome
  • l’indirizzo presso cui è stato fatto il controllo
  • livello di carica delle batterie
  • stato dei sensori
  • valutazione generale dello stato dell’impianto
  • interventi da eseguire nel caso si riscontrano malfunzionamenti…

Quindi la relazione tecnica serve per documentare ogni singola fase dell’intervento tecnico. Durante le attività di laboratorio svolte a scuola, la relazione potrà essere eseguita in modi diversi a seconda della materia e dello scopo, ma dovrà possedere alcune caratteristiche generali valide per tutti i tipi di relazioni tecniche.

Caratteristica principale di una relazione tecnica

IMPORTANTE

Una relazione non si realizza solo per se stessi per mantenere traccia e ricordo delle attività svolte, ma è soprattutto utile per le altre persone (tecnici e responsabili di produzione o persone non del settore) che dovranno leggerla e comprenderla.

Intestazione

La relazione di laboratorio adottata a scuola per le esperienze di elettronica, misure elettroniche e sistemi, automazione, deve essere completata in ogni sua parte:

  • numero progressivo dell’esperienza
  • la data di inizio
  • la classe
  • il nome dell’allievo che ha realizzato l’esperienza

Inoltre deve sempre essere ben specificato il nome del laboratorio che si sta svolgendo e cosa ancor più importante scrive sinteticamente e con chiarezza l’oggetto della prova.

Schema elettrico

Per tutti i laboratori è previsto il montaggio di un circuito elettronico quindi nella sezione SCHEMA ELETTRICO si dovrà riportare con precisione il disegno elettrico e gli eventuali punti di misura. Il disegno elettrico dovrà essere realizzato con precisione, con matita rispettando le norme di rappresentazione grafica dei circuiti elettronici, oppure mediante sistemi di disegno elettronico.

Elenco componenti

Lista di tutti i componenti elettrici/elettronici usati con loro valore, eventuale tolleranza dei componenti e tensione/corrente di lavoro.

Elenco strumenti

Lista di tutti gli strumenti utilizzati indicando marca modello e numero di serie in modo che sia ben evidenti le condizioni in cui sono state effettuate le misure.

Calcoli

I calcoli dovranno essere svolti mostrando tutti i passaggi matematici che conducono al risultato ed ogni risultato dovrà recare l’unità di misura tra parentesi quadre.

Tabelle

Tutti i valori misurati devono essere organizzati in tabelle e quando necessita anche in grafici secondo le indicazioni. E’ possibile utilizzare ausili informatici per la scrittura di formule e tabelle di valori.

Le tabelle dovranno essere così realizzate:

  • ogni tabella deve contenere un titolo, possibilmente breve
  • ogni colonna deve essere munita di intestazione chiara, sintetica con unità di misura indicata tra parentesi quadre

Esempio:

Grafici

I grafici dovranno essere così realizzati:

Preparazione del grafico

  • scegliere il tipo di coordinate e la scala da usare
  • indicare le unità di misura

Disegno del grafico

  • riportare i dati sul diagramma
  • interpolare con una curva i punti del disegno
  • inserire una didascalia descrittiva del grafico

Esempio:

Inserzione strumenti di misura

Per ottenere i risultati durante le esperienze vengono utilizzati strumenti di misura, quindi nel momento in cui mostrate tabelle e dati inserite disegni tecnici che mostrano come gli strumenti sono stati inseriti all’interno del circuito:

Disegno elettrico – disegno topografico

E’ essenziale produrre il disegno del circuito elettronico utilizzato nella sperimentazione, il disegno deve essere prodotto in modalità elettronica usando un qualsiasi software di cui disponete (ad es. Multisim):

Sempre se richiesto può essere inserita la disposizione topografica su breadboard in modalità cartacea:

è preferibile produrre lo schema topografico utilizzando un software di disegno per circuiti  elettronici (es. Multisim, Fritzing, ecc…):

Relazione

La relazione non può essere solo un elenco di numeri e grafici, ma bisogna dettagliare il procedimento seguito ed eventuali problematiche riscontrate nella realizzazione del circuito e durante le misure richiamando ove necessario concetti teorici.
E’ opportuno utilizzare un italiano corretto ed una terminologia tecnica appropriata e tutto ciò che si scrive deve essere prettamente tecnico, sono da evitare assolutamente frasi del tipo:

  • ho imparato molte cose;
  • è stata un’esperienza difficile;
  • mi sono divertito;

evitare l’uso della prima persona singolare o plurale:

  • ho collegato i componenti;
  • ho fatto le seguenti misure;
  • abbiamo costruito il circuito…

ma ricorrere ad una forma tecnica “impersonale”:

  • i componenti sono stati collegati;
  • le misure realizzate sono state…;
  • il montaggio del circuito è avvenuto secondo il procedimento…

quindi le regole fondamentali per scrivere una relazione tecnica sono:

  • bisogna essere brevi ed esaurienti;
  • riferirsi strettamente all’oggetto della prova;
  • scrive in italiano corretto;
  • usare un linguaggio tecnico appropriato;

Come si effettua l’analisi dei risultati

L’analisi dei risultati ottenuti deve essere fatta in modo critico mettendoli in relazione agli obiettivi dell’esperienza.
Potete riproporre i risultati dei calcoli ed indicare sinteticamente parti teoriche, potete ad esempio indicare:

  • “la misura ottenuta per la grandezza X è …”
  • “riportando su un grafico la grandezza X in funzione della grandezza Y si ottiene…”

ma tutto ciò non è sufficiente, dovete SEMPRE dire cosa potete dedurre dai risultati ottenuti, quindi se l’obiettivo è verificare una certa legge o sviluppo pratico di una simulazione elettronica realizzata in classe, NON SCRIVETE SOLAMENTE: “La legge X è stata verificata”, oppure “come si evince dalla simulazione elettronica con il software X abbiamo verificato che…” scrivete sempre se e perché i vostri risultati non sono in accordo o meno con la legge o la simulazione e in caso negativo, i motivi è OBBLIGATORIO indicare perché non lo sono.

Bibliografia e Sitografia

Alla termine della relazione elencare fonti bibliografiche (libri di testo, manuali tecnici, appunti presi a lezione) e siti da cui avete preso spunto per realizzare e studiare gli argomenti oggetto dell’esperienza di laboratorio.

Buon lavoro 🙂

Articoli simili:

Pubblicato in elettronica, i miei allievi | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento