Archivi tag: how to

Lezioni di laboratorio di elettronica – come realizzare una relazione tecnica di laboratorio

Questa nota indirizzata ai miei allievi di 3′.
Di seguito un sunto delle principali caratteristiche che deve avere una relazione tecnica di laboratorio.

Per il modello di relazione si faccia riferimento a quello da me realizzato che potete trovare seguendo il link.

La relazione tecnica

La relazione tecnica di solito rappresenta l’ultima fase di una attivit di verifica, collaudo o ricerca guasti in un circuito elettronico o impianto elettrico, ma nella gran parte dei casi il documento che certifica la correttezza del lavoro che stato fatto.

Esempio.

Se siete un tecnico chiamato per il controllo su un impianto di antifurto, dovrete al termine del vostro lavoro, rilasciare una dichiarazione che dovr riportare una serie di dati:

  • la data dellintervento
  • il vostro nome
  • l’indirizzo presso cui stato fatto il controllo
  • livello di carica delle batterie
  • stato dei sensori
  • valutazione generale dello stato dell’impianto
  • interventi da eseguire nel caso si riscontrano malfunzionamenti

Quindi la relazione tecnica serve per documentare ogni singola fase dellintervento tecnico. Durante le attivit di laboratorio svolte a scuola, la relazione potr essere eseguita in modi diversi a seconda della materia e dello scopo, ma dovr possedere alcune caratteristiche generali valide per tutti i tipi di relazioni tecniche

Caratteristica principale di una relazione:

una relazione non si realizza solo per se stessi,
ma soprattutto per farla leggere e comprendere ad altri.

Struttura della relazione

Intestazione

La relazione di laboratorio adottata a scuola per le esperienze di elettronica, misure elettroniche e sistemi, deve essere completata in ogni sua parte:

  • numero progressivo dellesperienza
  • la data di inizio
  • la classe
  • il nome dellallievo che ha realizzato lesperienza

Inoltre deve sempre essere ben specificato il nome del laboratorio che si sta svolgendo e cosa ancor pi importante scrive sinteticamente e con chiarezza l’oggetto della prova.

Schema elettrico

Per tutti i laboratori previsto il montaggio di un circuito elettronico quindi nella sezione SCHEMA ELETTRICO si dovr riportare con precisione il disegno elettrico e gli eventuali punti di misura. Il disegno elettrico dovr essere realizzato con precisione, con matita rispettando le norme di rappresentazione grafica dei circuiti elettronici.

Elenco componenti

Lista di tutti i componenti elettrici/elettronici usati con loro valore, eventuale tolleranza dei componenti e tensione/corrente di lavoro.

Elenco strumenti

Lista di tutti gli strumenti utilizzati indicando marca modello e numero di serie in modo che sia ben evidenti le condizioni in cui sono state effettuate le misure.

Calcoli

I calcoli dovranno essere svolti mostrando tutti i passaggi matematici che conducono al risultato ed ogni risultato dovr recare lunit di misura tra parentesi quadre.

Tabelle

Tutti i valori misurati devono essere organizzati in tabelle e quando necessita anche in grafici secondo le indicazioni.

Le tabelle dovranno essere cos realizzate:

  • ogni tabella deve contenere un titolo, possibilmente breve
  • ogni colonna deve essere munita di intestazione chiara, sintetica con unit di misura indicata tra parentesi quadre

Esempio:

Grafici

I grafici dovranno essere cos realizzati:

Preparazione del grafico

  • scegliere il tipo di coordinate e la scala da usare
  • indicare le unit di misura

Disegno del grafico

  • riportare i dati sul diagramma
  • interpolare con una curva i punti del disegno
  • inserire una didascalia descrittiva del grafico

Esempio

Disegno topografico su breadboard

Quando necessario nella relazione dovr essere realizzato anche il disegno del circuito su breadboard, in cui dovranno essere ben indicati i punti di connessione degli strumenti di misura. Tutti i componenti sono da disegnare in scala 1:1

Relazione

La relazione non pu essere solo un elenco di numeri e grafici, ma bisogna dettagliare il procedimento seguito ed eventuali problematiche riscontrate nella realizzazione del circuito e durante le misure richiamando ove necessario concetti teorici.

E’ opportuno utilizzare un italiano corretto ed una terminologia tecnica appropriata e tutto ci che si scrive deve essere prettamente tecnico, sono da evitare assolutamente frasi del tipo:

  • ho imparato molte cose
  • stata una esperienza difficile
  • mi sono divertito

evitare l’uso della prima persona singolare o plurale:

  • ho collegato i componenti,
  • ho fatto le seguenti misure,
  • abbiamo costruito il circuito…

ma ricorrere ad una forma tecnica “impersonale”:

  • i componenti sono stati collegati,
  • le misure realizzate sono state…,
  • il montaggio del circuito avvenuto secondo il procedimento…

quindi le regole fondamentali per scrivere una relazione tecnica sono:

  • bisogna essere brevi e esaurienti
  • riferirirsi strettamente all’oggetto della prova
  • scrive in italiano
  • usare un linguaggio tecnico appropriato

 

Pillole di tecnologia didattica: realizziamo una penna per iPad a bassissimo costo

E da un po’ che utilzzo l’applicazione per iPad Penultimate per prendere rapidamente appunti, ma ottenere la stessa precisione di scrittura che si ha con una penna usando il dito è piuttosto difficile.
Per poter scrivere su iPad oltre che con il dito ovviamente, potete utilizzare una penna capacitiva, ma le proposte commerciali che trovate on-line a mio parere, sono troppo costose se considerate la semplicità tecnologica del dispositivo, ritengo assurdo pagare 20€ o più per un pezzo di metallo ed una goccia di gomma conduttiva. Allora ho fatto qualche ricerca on-line per trovare qualche progetto ed ho visto che gran parte delle realizzazioni utilizzano la schiuma conduttiva, la spugna nera utilizzata ad esempio per proteggere i circuiti integrati o i circuiti elettronici, ma trovare un negozio di elettronica che vende questa schiuma è impresa ardua.
A questo punto mi sono ricordato che tempo fa, facendo alcuni esperimenti a scuola per spiegare la differenza tra materiali conduttori, semiconduttori ed isolanti utilizzai materiali di uso comune che si possono trovare in casa, con stupore mio e dei miei allievi, ci accorgemmo che la spugna per pulire le superfici di bagni e cucine, presa in prestito dalla bidella (quelle ruvide da una parte) risulta conduttiva

eureka!
Problema risolto.

Le spugne in cellulosa vegetale sono conduttive! (precisazione di Michele nei commenti)

Materiali per questa prova pratica di tecnologia didattica:

  • allungamatita (costo può oscillare tra 1 e 3 €)
  • spugna da cucina (essenziale che sia conduttiva)
  • forbici e cutter

Per poter sostenere la spugna che utilizzerò come pennino ho necessità di un supporto che deve necessariamente essere di metallo al fine di poter creare il contatto elettrico tra la mano e la spugna.
Dovete sapere che da sempre utilizzo per i miei disegni l’allungamatia in metallo che mi consente di maneggiare con maggior precisione la matita e soprattutto di utilizzarla per maggior tempo riducendo lo spreco, potete vederlo in figura:

A questo punto avete necessità di una spugna, non ricordavo la marca utilizzata in laboratorio, ma io in cucina dispongo della spugna Spontex.

Prendete la spugna tagliatela e assicuratevi che non vi sia alcun elemento della parte ruvida, quella verde scura (nella foto), tagliate delle strisce lunghe, per questo scegliete il lato di maggior lunghezza della spugna, ciò permetterà che il contatto interno tra la spugna e l’allungamatita avvenga per quasi tutta la lunghezza dell’allungamatita, la larghezza massima della spugna sarà di circa di 1 cm.

Inserite con cura la spugna all’interno del pennino e lasciatene una parte al di fuori, modellate la punta come meglio vi piace, io preferisco una punta a scalpello, mi consente di controllare e vedere meglio il tratto.
Attenzione! Fate in modo tale che vi sia sufficiente spugna che fuoriesca in modo che non vi sia il rischio che la parte metallica graffi lo schermo.

A questo punto…
dovete solamente scrive….

Fine del tutorial 🙂

Nota di carattere elettronico

Elementi fondamentali di qualsiasi sistema di rilevamento capacitivo è l’insieme campi elettrici generati dal flusso di elettroni attraverso la superficie del display e il tessuto umano (le dita). Il corpo umano è saturo di elettroliti conduttivi e questi elettroliti sono coperti dallo strato di pelle che può essere assimilato ad un dielettrico.
Quando le dita toccano lo schermo il flusso di elettroni generato dallo schermo viene distorto, questa variazione di flusso viene rilevata dal dispositivo elettronico mediante sensori posti sugli angoli dello schermo e ad ogni punto in cui viene rilevata una distorsione del campo elettrico viene assegnata una coordinata.