Rileviamo l’inquinamento con una maglietta

Ecco un esempio che pone in evidenza come l’elettronica si pone al servizio della moda e dell’ambiente.
Cosa accadrebbe se il rilevamento dell’inquinamento urbano avvenisse guardando la maglietta del vostro vicino di banco o la persona seduta di fianco a voi sul pulman?
Sue Ngo e Nien Lam hanno progettato una maglietta “sensore” in grado di rilevare l’inquinamento. Le magliette sono decorate con disegni che rappresentano gli organi umani e che cambiano colore in funzione della quantità di monossido di carbonio presente nell’ambiente.
All’interno dei capi di abbigliamento vi sono piccoli sensori collegati ad un microcontrollore il quale, in funzione della quantità di smog, riscalda piccoli filamenti posti all’interno dei disegni degli organi.
Le magliette sono realizzati in tessuto che varia il colore al variare della temperatura.

Maggiori informazioni su: nienlam.com


warning signs from Susan Ngo on Vimeo.

fonte: nydailynews.com

Articoli simili:

Questa voce è stata pubblicata in elettronica e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.