Storie di making scolastico: oggetti “parlanti” con i tag NFC

Consigli di classe per consegna pagelle.
30 min liberi prima che si riparta con il successivo consiglio… scrivo sul mio iPhone una relazione, la mente divaga e rifletto sulla modalità con cui ho pagato con il precedente smartphone l’iPhone 11 che sto utilizzando per scrivere, ho usato Apple Pay che sfrutta la tecnologia NFC….Tecnologia NFC… pensa che ti ripensa… idea! Attività semplice e coinvolgente per i ragazzi!

mi chiedo: ma se disseminassi di tag NFC il laboratorio di automazione “per far parlare” ogni oggetto forse potrebbe essere utile… si sì mi piace mi piace!

Tra le moltissime attività in programma per il PCTO (ex alternanza) aggiungo questa:

Titolo: “oggetti parlanti – automazione del laboratorio di automazione – NFC ovunque, piccoli oggetti per migliorare la vita lavorativa” 🙂

Sottotitolo:
Ricavare informazioni da qualsiasi oggetto.
Avvicina lo smartphone dotato di tecnologia NFC ad un oggetto su cui è disposto un tag NFC e provochi l’apertura di una pagina web o di altra azione sul tuo smartphone.

La tecnologia NFC: Near Field Communication, in italiano ”Comunicazione di prossimità” è una tecnologia di trasmissione a corto raggio senza fili, che permette di mettere in comunicazione due dispositivi. La comunicazione NFC è stata sviluppata nel 2004 da LG, Sony, Samsung, Philips e Nokia.

Lo standard prevede una comunicazione 13,56 MHz e può raggiungere una velocità di trasmissione massima di 424 kbit/s quindi velocità non troppo elevate, ma adatta alla trasmissione di piccole quantità di dati tra due dispositivi vicini, non superiore ai 10 cm. L’attivazione della comunicazione bidirezionale peer-to-peer avviene se i dispositivi non superano una distanza di 4 cm.

I dispositivi compatibili con NFC come ad esempio smartphone, tablet dispongono a bordo di un chip elettronico che permette questo tipo di comunicazione dati. Nel caso il vostro dispositivo non fosse dotato di questa tecnologia in commercio potete trovare micro SD e SIM con chip NFC.

Le applicazioni più comuni si riferiscono ai pagamenti elettronici.
Utilizzare NFC per acquistare biglietti della metropolitana o ancora per effettuare pagamenti registrando la propria carta di credito all’interno di una applicazione specifica: Wallet per Apple, Android Pay per smartphone Android.

Il chip NFC può essere programmato tramite applicazioni per smartphone o programmi specifici per PC per svolgere una specifica azione quando il dispositivo viene avvicinato ad un tag NFC.

Con due Smartphone dotati di NFC si posono scambiare rapidamente foto, video e file e molto altro come ad esempio la condivisione della propria posizione su Google Maps.

Utilizzo dell’NFC a scuola:

  1. fuori dall’aula per far si che chiunque possa avere informazioni sull’impegno orario dell’aula;
  2. su ogni armadio per avere immediatamente informazioni sulle dotazioni e avvisi su spostamenti o riparazioni strumenti;
  3. su ogni strumento di laboratorio per avere il manuale di utilizzo;
  4. sperimentarne l’uso per persone ipovedenti, il tag NFC attiverà audio sullo smartphone (già in sperimentazione per progetto scolastico);
  5. realizzare involucri per tag NFC facilmente applicabili su confezioni di alimenti per avere informazioni sulla data di acquisto e scadenza del prodotto conservato ad esempio in frigorifero;
  6. assegnare un tag ad ogni PC del lab. per avere un rapido resoconto sui software installati.

Venerdì mattina durante “l’ora buca” una corsa al Lab. Territoriale del Pininfarina, rapidissimo disegno di un contenitore e taglio laser dei primi 5 contenitori per tag NFC da collocare il Lab. Automazione.

In settimana incollerò su ogni PLC Siemens che abbiamo in laboratorio automazione, altri tag su cui inserirò link a pagina web che rimanda a manuali e mie lezioni e così farò sulle schede Arduino, in questo modo nessuna scusa da parte degli studenti 🙂 “Prof. dove trovo le dispense?”,  “Prof. dove trovo il manuale?” chiedilo al PLC! Accarezzalo coi il tuo smartphone 🙂

Quasi quasi incollo tag NFC anche agli appunti cartacei 😉 in modo da aggiungere contenuti multimediali che potrò modificare anche nel tempo (un tag può essere riscritto), meglio di un QR Code, all’interno della memoria del tag posso personalizzare e modificare i contenuti.

Drin Drin! Suona la campanella!
Appena in tempo per concludere il progettino NFC
si va al prossimo consiglio di classe.

Buon making a tutti 🙂

Articoli simili:

  • Non sono presenti articoli simili.
Questa voce è stata pubblicata in elettronica e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.