Introduzione alla stampa 3D – Lezione 4 bis – Tutti pazzi per i fidget spinner

Lo so, se ne parla tantissimo e qualcuno dirà: “ma anche tu con i fidget spinner?!

In realtà è nato tutto per caso perché con il figlio più grande se ne parlava ed io in un momento di “riposo mentale” dopo una lunga giornata fatta di lezioni, consigli di classe e burocratese scolastico mi sono concesso 5 min (veri) per realizzare una versione super economica di questo giocattolo che imperversa tra gli studenti… ma anche tra gli adulti 🙂 ho poi inserito il filmato è le immagini su Facebook ed ho incominciato a ricevere mail che mi chiedevano sia i sorgenti stl per la stampa 3D che e un breve tutorial che mostrasse come realizzarlo, certamente su Thingiverse ne trovate di bellissimi, ma credo che sia più divertente per gli studenti realizzarne di propri.

Il mio stupore inoltre è stato durante la Mini Maker Faire di Torino, avevo con me fidget spinner posato sul tavolo e tantissimi bambini hanno chiesto di provarlo e addirittura un paio di mamme mi hanno chiesto se organizzo corsi che insegnano a realizzarlo… giuro 🙂 mi dispiace ma non è il mio core business 🙂 ci sono altri che ci pensano, ma sfrutto la moda del momento per aggiungere una lezioncina divertente e semplice a quanto già fatto nei mesi scorsi per il corso base di stampa 3D di cui avevo pubblicato gli appunti con esercizi che mostravano come realizzare oggetti di uso comune tra gli adolescenti: portachiavi, porta cellulare, porta auricolari, amplificatori audio per cellulare, quindi la scusa è: “se bisogna fare didattica allora facciamola almeno divertendoci”, d’altronde  interrogazioni fatte, medie voti fatte, argomenti conclusi… allora si va in laboratorio a divertirci.

Questo è tutto ciò che avevo da scrivere, ciò che segue sono schermate che vi guidano passo passo nella realizzazione, aggiungo che per rendere l’oggetto molto economico ho utilizzato solo oggetti che ho trovato nella cassetta dei miei attrezzi, 8 dadi da 8 mm ed un cuscinetto 608 (22 mm di diametro), divertirsi è anche questo 🙂

Partiamo!

Prendete un cilindro dalla categoria “Basic Shapes” e fissatene le dimensioni a 70 mm di diametro e 7 mm di spessore.

01

Prendete un parallelepipedo a base esagonale

02

assegnategli le misure di base: 13 mm x 15.1 mm

03

Trasformatelo in un foro

04

Allineate il parallelepipedo a base esagonale come indicato nell’immagine, centrato e tangente al cilindro

05

Duplicate il parallelepipedo a base esagonale

06

Posizionatelo dalla parte opposta e create un gruppo costituito dai due fori

08

Duplicate il gruppo e ruotate di 90°

10

Ripetete più volte l’operazione per ottenere la configurazione rappresentata nell’immagine che segue

13

13b

Raggruppate tutti i fori e spostateli lungo l’asse Z in modo che taglino il cilindro di base

15

Raggruppate ora fori e cilindro di base

16

16b

Otterrete la seguente forma

17

Smussiamo ora gli angoli delle sedi per i dadi, prendete tra le figure di base il parallelepipedo a base triangolare (Roof) con dimensioni: 20x20x10 mm

18

ruotatelo ed allineatelo rispetto al bordo della figura di base e successivamente spostatelo di 2 mm verso l’esterno (verso destra). Fissando uno snap di 1 mm è sufficiente selezionare il solido e fare 2 volte click sulla la freccia destra della tastiera

19

Ripetete l’operazione, così come avete fatto per le sedi dei dadi, dovreste ottenere la seguente struttura

20

Realizziamo ora il foro che ospiterà il cuscinetto. Prendete un cilindro (foro) e fissate un diametro di 22,3 mm (poco più grande del cuscinetto, così facendo potrete compensare un’eventuale taratura non perfetta della stampante 3D)

21

Centrate il cilindro rispetto alla base e spostatelo leggermente verso il basso (rispetto al piano di appoggio) in modo da essere sicuri che lo attraversa

22

Così facendo otterrete la figura che segue

23

Al fine di ridurre il peso della struttura realizziamo 8 fori di diametro di 5 mm distanti dal centro della base di 15,75 mm

27

28

Raggruppate tutto

30

Alleggeriamo ancora di più la struttura forando con 8 asole

32

Agite sul pannello proprietà dell’oggetto e impostate una dimensione dell’asola di 8×4 mm

31

Allineate al bordo l’asola e aumentatene l’altezza in modo che attraversi l’intera struttura di base

33

34

Spostate l’asola di 7 mm verso il centro, duplicate ed allineate come riportato in figura. Realizzate un gruppo costituito dalle due asole.

35

Duplicate più volte e ruotate (tenendo il mouse all’interno del goniometro) di 22,5°, vedrete che verrà fatto lo sana esattamente a 22,5°.

36

Raggruppate tutto

37

L’ultima fase consiste nel realizzare i tappi di chiusura del cuscinetto.

Prendete un paraboloide e assegnategli le misure 22,5 di diametro e 9,27 di altezza:

38

Spostare il paraboloide al di sotto del piano di 6,77 mm

40

Tagliate la parte che risiede al di sotto del piano

41

Otterrete la base del tappo

42

Su di esso ponete un cilindro di diametro 10 mm e altezza 0,5 mm

43

Centratelo rispetto alla base del tappo

44

Realizziamo la struttura che verrà inserita internamente al cuscinetto. Prendete un cilindro di 7,80 mm di diametro, altezza 8 mm e posizionatelo a 2 mm dal piano

45

Prendete un parallelepipedo a base triangolare

46

Ruotatelo e allungatelo come riportato nell’immagine impostando come dimensione del triangolo di base: 8 mm di base e 4 di altezza

47

Duplicate e posizionate come nell’immagine

48

Rendete le due strutture foro e fatene un gruppo

49

Centrate la struttura rispetto al cilindro di diametro 8 mm che avete realizzato precedentemente

50

Unite con il foro costituito dai due parallelepipedi a base triangolare

51

Prendete un parallelepipedo foro di dimensioni: 1x1x12 mm e posizionatelo a 3 mm dal piano di base

52

53

54

Unite in un unico gruppo

55

Uniamo le due strutture in un unico oggetto.

56

57

58

In fase di stampa ricordate di stampare due tappi che dovranno essere incastrati come riportato nell’immagine che segue

63

59

60

61

62

Per prelevare i sorgenti STL per la stampa seguite il link su Thingiverse.

Avvertenze

I dadi restano ben fissati alla struttura, ma il mio consiglio è quello di utilizzare anche della colla in modo da bloccare definitivamente i dadi.

Buona sperimentazione 🙂

Articoli simili:

Questa voce è stata pubblicata in Stampa 3D e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *